Blog: http://ondaverde.ilcannocchiale.it

PER UNA “GIORNATA LOCALE DELL'ACQUA PERDUTA”. OVVERO DELLE FONTANELLE, STORICHE MA NON SOLO, RIMASTE SENZ'ACQUA. IN FUTURO UN TOUR DEL CHIANTI: “L'ASSETATA”.

La scorsa settimana si è tenuta la “Giornata Mondiale dell'Acqua 2017”, ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite fin dal 1992. Publiacqua (di cui anche il Comune di Impruneta è socio ) ha celebrato la giornata proponendo a cittadini e studenti un programma ricco di iniziative fra Firenze, Prato e Pistoia (con tanto di pagine di informazione pubblicitaria sui giornali locali).

Meraviglia pertanto che altrettanta attenzione non risulti dedicata ai fontanelli …. (quelli semplici, non delle “casette dell'acqua”) che adornano le piazze e la pubblica viabilità, utili per dissetare i residenti ed i viandanti d'ogni sorta, che invece vengono rimossi alla chetichella (come avvenuto al Desco), oppure ai quali viene semplicemente interrotto l'approvvigionamento dell'acqua.

Ad Impruneta il caso più clamoroso è quello del fontanello all'antico pozzo in Piazza Buondelmonti, che non eroga una goccia d'acqua da oramai dal 2008, tanto che i Verdi per Impruneta l'hanno indicato quale ideale location per una surreale annuale “festa dell'arsione” (annuale perché dura da un anno all'altro!).
Ma nei giorni scorsi anche gli abitanti di San Gersolè si sono lamentati che il fontanello della loro piccola frazione, da cui dallo scorso inverno è stato interrotto l'erogazione dell'acqua (presumendolo per rischio di congelamento), risulta invece tutt'ora non … fruibile.

Proponiamo quindi di istituire anche una “giornata locale dell'acqua perduta”, da tenersi magari la settimana successiva alla giornata mondiale, per la salvaguardia delle fontanelle, storiche ma nono solo, rimaste senz'acqua.

In proposito va inoltre ricordato che a seguito di una petizione popolare promossa dai Verdi per Impruneta il Consiglio comunale di Impruneta ha recepito nel proprio Statuto comunale (Art 6, c.17) il “diritto all'acqua” riconoscendo “l’accesso all’acqua come diritto umano, universale, indivisibile, inalienabile e lo status dell’acqua come bene comune pubblico (deliberazione del Consiglio comunale n. 91 del 30.09.2010).

Comune di Impruneta e Publiacqua si mettano quindi d'accordo e si attivino per tradurre in concreti comportamenti atti a livello locale le dichiarazioni di principio, mantenendo la fruibilità dei fontanelli pubblici.

Ma stiamo già pensando in grande, dopo la notizia riportata dalla stampa, dei due storici fontanelli dei primi del 1900 (uno dei due porta proprio l'iscrizione sul casottino, originario edificato dai marchesi Torrigiani), situati nella frazione di San Donato in Poggio (Comune di Tavarnelle), anch'essi rimasti all'asciutto.


Perché non realizzare una bel tour a tema, tipo “L'Assetata”, una passeggiata per i territori del Chianti, che conduca cittadini e turisti alla scoperta dei fontanelli storici senz'acqua? Vino consentito, offre il Comune o Publiacqua.

Verdi per Impruneta

Rassegna stampa:        Rassegna WEB:  "Impruneta e Chianti con le fontanelle a secco: proponiamo il Tour dell'Assetata!" (gazzettinodelchianti.it, 3/4/2017)

Pubblicato il 30/3/2017 alle 16.52 nella rubrica VERDI per IMPRUNETA.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web